Approvato l’elenco dei PIF che mantengono i requisiti di ammissibilità

Con nota Prot. 2012.0474109 del 20/06/2012, la Regione Campania ha comunicato che, con Decreto Dirigenziale n. 59 del 18/06/2012, è stato approvato l’elenco dei PIF per i quali le attività istruttorie hanno determinato la persistenza dei requisiti di ammissibilità che avevano consentito la positiva valutazione del progetto. Al riguardo la nota di cui all’oggetto ci anticipa che per il nostro Progetto “Filiera Ortofrutticola Piana del Sele” è stata determinata la persistenza dei requisiti di ammissibilità.

Integrati i fondi Misura 121 del PSR Campania

Con Decreto n. 43 del 4 ottobre 2011 la Regione Campania ha disposto l’integrazione della dotazione finanziaria del bando per la misura 121 di cui al DDR n. 3/2011, di aggiuntivi € 35.500.000,00.

L’Amministrazione regionale ha inteso “soddisfare i fabbisogni espressi dal territorio e gli sforzi compiuti dai soggetti coinvolti nella misura più ampia possibile”.

Il Presidente Alfonso Esposito esprime soddisfazione per il finanziamento di numerose istanze presentate da soci dell’OP.

Presentati i progetti esecutivi del PIF

Venerdì 30/09/2011 la nostra OP Terra Orti, in qualità di soggetto capofila del PIF “Filiera ortofrutticola Piana del Sele”, ha presentato presso gli uffici del settore IPA della Regione Campania la documentazione tecnico amministrativa dei singoli progetti esecutivi/cantierabili. In sintesi, il programma esecutivo si articola in 40 progetti singoli a valere sulle misure 111, 121, 123, 124, 125 e 133 del PSR Regione Campania, che coinvolgono 24 soggetti differenti. Di questi 14 sono società agricole o imprenditori agricoli individuali, 3 sono enti di formazione accreditati, 2 sono Università pubbliche, 5 sono amministrazioni comunali. Il progetto vede un totale di investimenti di circa 20 milioni di euro ed un contributo pubblico (a valere sul FEARS) di quasi 14 milioni di euro. Nelle prossime settimane l’istruttoria dei singoli progetti verrà svolta dei funzionari del settore IPA e dal responsabile del procedimento del PIF il dirigente dott. Antonio Irlando.

Presentato l’esecutivo 2012 del Programma Operativo

Venerdì 30/09/2011 è stato presentato presso il Settore IPA della Regione Campania il Progetto Esecutivo per l’anno 2012 del Programma Operativo. Il progetto è stato predisposto come da testo licenziato dall’Assemblea dei soci e prevede attività ed investimenti finalizzati al miglioramento della qualità delle produzioni e delle condizioni di commercializzazione. Presenti anche misure volte a prevenire eventuali crisi di mercato, dalle campagne promozionali dedicate ai laboratori didattici, ed a gestirle (tra tutte quelle rivolte alla distribuzione gratuita delle produzioni agli enti caritatevoli).Forte la caratterizzazione “ambientale” del Progetto con oltre 1/4 degli investimenti a valenza ambientale. Chiesto anche l’accesso all’AFN per il 2012.
Nelle prossime settimane si svolgerà l’istruttoria della Regione Campania per l’approvazione del progetto.

Deroga territoriale Dodina per Indivia

In seguito alle forti infestazione di antracnosi, verificatesi nei precedenti cicli colturali di indivia riccia ed indivia scarola, che avevano gravemente compromesso tali produzioni, Terra Orti su sollecitazione dei propri tecnici e dei produttori interessati ha avanzato esplicita richiesta agli organi competenti della Regione Campania relativamente alla possibilità di poter utilizzare in deroga la sostanza “dodina”, per la sua comprovata efficacia contro Marssonina panattoniana.
Siamo lieti di comunicarvi che, grazie all’intenso lavoro svolto dall’ufficio tecnico agronomico della nostra OP, la Regione Campania con nota prot. 0686858 del 13/09/2011 ha concesso, per l’intero territorio regionale, una deroga per l’utilizzo della s.a. dodina.
Per ulteriori info:
Ufficio Tecnico Agronomico
Uff: 0828/601213
Cell: 3465043796
Fax :0828600103

Presentate le domande PIF

Presentate alla Regione Campania, AGC 1 Settore IPA, lo scorso 2 settembre 2011, da parte del Capofila OP Terra Orti, le domande ed i relativi formulari dei progetti esecutivi a valere sul PIF “Filiera ortofrutticola Piana del Sele”.

Si tratta della parte dei progetti del PIF relativi al fondo FEASR – Asse 1 PSR Regione Campania.

Sono state attivate le misure 111, 121, 123, 124, 125 e 133.

Entro il 30 settembre verrà ultimata la presentazione degli allegati tecnico amministrativi per consentire l’istruttoria e la valutazione delle domande.

Complessivamente quaranta progetti che prevedono investimenti per oltre 20 milioni di euro ed un contributo pubblico di circa 14 milioni di euro.

Successivamente verranno attivati investimenti a valere sui fondi FESR e FSE per altri 10 milioni di euro.

AUMENTA IL BUDGET PER LA CRISI BATTERIO KILLER

COMMISSIONE EUROPEA: AUMENTA IL SOSTEGNO AGLI ORTICOLI COLPITI DALLA CRISI E.COLI Nella riunione di ieri del Comitato di gestione Ortofrutta gli stati membri hanno approvato la proposta della commissione di aumentare da 210 milioni di euro a 227 milioni le risorse previste dal piano di emergenza per i produttori di ortaggi colpiti dalla crisi e.coli. cio’ consentira’ alla commissione di pagare il 100 per cento delle domande di compensazione provenienti dagli stati membri. ne da’ notizia un comunicato della commissione europea. all’italia sono stati assegnati 34,6 milioni euro. i prodotti interessati sono: cetrioli, pomodori, lattuga, zucchine e peperoni ritirati dal mercato tra il 26 maggio e la fine di giugno in conseguenza della crisi e.coli.

Approvato il DM 4442 del 20/06/2011

Facendo seguito al Regolamento approvato dalla Commissione Europea lo scorso 14 giugno 2011 (in pubblicazione sulla Gazzetta Europea il 18 giugno 2011), in data 20/06/2011 il MIPAAF ha approvato il Decreto 4442 recante le Disposizioni urgenti per la gestione delle crisi di mercato dei prodotti ortofrutticoli conseguente ai casi di contaminazione da Escherichia Coli verificatetisi in Germania.
Con circolale AGEA, invece, sono state emanate le procedure di attuazione alle quali le OP devono fare riferimento per l’attivazione delle misure straordinarie di sostegno al settore ortofrutticolo stanziate dalla UE in favore di alcuni comparti (cetrioli, pomodori, zucchine, peperoni, lattughe) maggiormente colpiti dalla grave crisi di mercato seguita agli episodi di contaminazione da Escherichia Coli.

Le suddette disposizioni in deroga saranno valide unicamente per i prodotti su indicati e sino alla data del 30 giugno 2011, termine ultimo indicato dal regolamento comunitario per la realizzazione degli interventi ammessi a beneficiare delle misure di sostegno.
Per maggiori info rivolgersi all’ufficio tecnico dell’OP.

Decorrenza termini Progetti Integrati di Filiera

La Regione Campania attribuisce fondamentale importanza alla progettazione collettiva per lo sviluppo delle principali filiere agroalimentari regionali.
I Progetti Integrati di Filiera (P.I.F.) rappresentano nell’ambito del P.S.R. Campania 2007-2013, lo strumento per promuovere assetti più dinamici e competitivi nelle filiere agroalimentari.
Per dare maggiore incisività all’azione dei P.I.F. la Giunta Regionale della Campania con Decreto Dirigenziale n. 18 del 18/02/2011, ha modificato il bando di attuazione dei progetti integrati di filiera approvato con DRD n. 71 del 30/09/2009.
Con tale modifica, la Giunta Regionale della Campania ha inteso approvare il termine del 1 aprile 2011 quale data di decorrenza dei 90 giorni per la presentazione dei progetti esecutivi/cantierabili relativi agli interventi di cui alle manifestazioni di interesse allegate al PIF.
L’organizzazione di produttori “Terra Orti”, quale soggetto capofila del P.I.F. “Filiera Ortofrutticola Piana del Sele” promuoverà la costituzione del “Consorzio di Filiera” tra le imprese titolari di una manifestazione di interesse risultata ammissibile nell’ambito della procedura di selezione del PIF, approvato in via definitiva con DRD n. 564 del 22 luglio 2010.
La partecipazione al “Consorzio di Filiera” sarà estesa anche alle imprese disponibili a presentare progetti analoghi a quelli delle imprese che hanno rinunciato a candidare il proprio progetto a finanziamento con lo strumento del P.I.F.
Al fine di assicurare la piena corrispondenza tra il PIF approvato e la progettazione collettiva che lo sostiene, si invitano le imprese operanti nella filiera dell’ortofrutta, a presentare formali manifestazioni di interesse relative alla realizzazione di interventi coerenti con gli obiettivi e la strategia di sviluppo indicate nel PIF e consultabile sul suo sito istituzionale all’indirizzo www.pifpianadelsele.it
Le manifestazioni di interesse, se conformi alle disposizioni della Misura 121 o della Misura 123 del PSR Campania 2007 – 2013, e riconosciute coerenti con gli obiettivi e la strategia di sviluppo indicate nel PIF, saranno candidate a finanziamento attraverso lo strumento del Progetto Integrato di Filiera.
Tale eventualità sarà subordinata alla formale autorizzazione rilasciata dalla Giunta Regionale della Campania alla sostituzione dei titolari di manifestazioni di interesse.
Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire, esclusivamente mediante consegna a mano, entro le ore 12:00 del 25 aprile 2011 alla sede del soggetto capofila del P.I.F. “Filiera Ortofrutticola Piana del Sele” presso il Consorzio Terra Orti in Eboli al Viale Eburum, 22 – Loc. S. Cecilia.
Gli imprenditori interessati potranno richiedere maggiori dettagli contattando il soggetto capofila ai seguenti recapiti: tel. 0828.601213 – fax 0828.600103 e-mail pifpianadelsele@gmail.com.

Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27-2-2010 il Decreto ministeriale 15 febbraio 2010 – Modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, che prevede la Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). Il Decreto entra in vigore il 1 marzo 2010 e prevede l’obbligo per le aziende che producono rifiuti speciali pericolosi, com’è il caso anche delle aziende agricole, l’obbligo dell’iscrizione al SISTRI.
Il termine ultimo per l’iscrizione al SISTRI è il 31 marzo 2010 per le aziende con più di 50 dipendenti e il 30 aprile 2010 per le aziende con meno di 50 dipendenti.